"L’ultimo movimento dell’ultimo quartetto di Beethoven è scritto su due motivi:
 Muss es sein? (deve essere?). Es muss sein! (deve essere!).
 Perché il senso delle sue parole fosse del tutto chiaro, Beethoven scrisse in testa all’ultimo movimento le parole: Der schwer gefasste Entschluss: la risoluzione presa con difficoltà, la grave risoluzione. La grave risoluzione è unita alla voce del destino (Es muss sein);
pesantezza necessità e valore sono tre concetti intimamente collegati: solo ciò che è necessario è pesante, solo ciò che pesa ha valore. L’idea dell’eterno ritorno accomuna Nietzsche all’eroe beethoveniano: la grandezza di un uomo risiede nel fatto che egli porta sulle spalle il suo destino come Atlante portava sulle spalle la volta celeste."
(Milan Kundera: L’insostenibile leggerezza dell’essere.)
 
 
Advertisements